logo

È da molto tempo, ormai, che non ti scrivo più una letterina in occasione del tuo compleanno. Non perché la ritenga una cosa banale, da bambini, finalizzata a ottenere regali, ma forse proprio per il motivo completamente opposto, ossia perché, molti adulti, hanno smarrito l'innocenza dei bambini capaci di meravigliarsi di fronte alle cose semplici e al tempo stesso magiche, come il Natale. A dire la verità, la lettera per richiedere regali a te, Gesù Bambino, non è così gettonata come quella che scriviamo a Santa Klaus.

Di più, non si può sperare: facciamo fatica ad uscire dalla Crisi economica e di valori. La chiamiamo Austerity, la crisi, con un nome in inglese che non tutti capiscono: ma forse era meglio così, perché il suo nome misterioso spaventava tutti, e quindi si faceva veramente di tutto per risparmiare o per evitare sprechi inutili. Oggi, invece, col fatto di chiamarla semplicemente “crisi”, sta sulla bocca di tutti, ma a parte coloro che l'hanno vissuta drammaticamente sulla propria pelle, non saprei dirti quanti abbiano tratto insegnamento dal terribile periodo economico che stiamo ancora subendo, almeno a giudicare dalle folle negli aeroporti e nei centri commerciali (di sicuro, più affollati delle chiese); ci manca poi che - come nella nostra città - questi due nuovi “templi” della modernità siano uno accanto all'altro, e la miscela fatta di viaggi, shopping e traffico diviene micidiale. Poi, ovviamente, aumentano le malattie dovute a un clima impazzito e a un cielo inquinato, e altrettanto ovviamente - non potendo dare colpa a qualcuno di concreto - ce la prendiamo con te: ma non averne a male, lo facciamo per sfogarci un po', tu almeno non dici nulla quando ci arrabbiamo con te, se la vita ci porta via qualcuno di caro...sopportaci...con chi ci sfoghiamo, altrimenti?

A proposito di shopping, che ai tuoi tempi si chiamava “spesa” e si faceva in bottega, ti diamo un consiglio: se in questi giorni ti capita di passare nel centro di qualche città, soprattutto al nord, stai attento a fare la carità ai clochard (sarebbero i barboni di una volta), perché potresti prendere la multa. Eh, sì: non lo sapevi? Oggi fare la carità è diventato un reato contro il decoro pubblico: mentre le scene impietose di giovani e meno giovani che escono urlando ubriachi fradici e anche un po' “fatti” da locali e movide ( “feste notturne”) non sono un attentato al decoro pubblico, fanno trend, soprattutto se poi li posti sui social, e metti un like al link del fashion blogger che ti fa da trend setter. Non hai capito nulla, vero? Beh, ti devi aggiornare, sono i linguaggi di oggi: o li impari o sei out, che altro non significa se non che sei “fuori”...che poi è tutto da vedere chi è più “fuori”, se chi resta escluso dal mondo virtuale dei social o chi ci è dentro fino all'osso del collo...

A proposito di collo...se in questi giorni con la tua mamma dovessi prendere un autobus o la metro o un treno, non ti spaventare, vedrai molti di noi con il collo piegato: no, non sono aumentati i casi di scoliosi, solamente siamo “connessi h24”, il che significa che stiamo continuamente socializzando, condividendo con tutto il mondo in tempo reale quello che stiamo facendo. Siamo talmente sicuri di noi stessi che non facciamo più nulla senza averlo prima condiviso con tutti: comprare un paio di scarpe, scegliere il luogo delle vacanze, cambiare pettinatura, addirittura decidere quale ragazzo o quale ragazza abbordare in discoteca... E soprattutto, ci teniamo a far sapere a tutti le nostre cose, senza prima aver tralasciato di lamentarci perché la nostra privacy viene continuamente violata.

Vedrai, appena potrai aprire gli occhi e guardarci in faccia, ti verrà da dire che l'umanità che tuo padre ha creato è impazzita, e di pazzi ce ne sono in giro veramente tanti, e molti sono anche potenti e furiosi: pazzi furiosi a est che si divertono a sparare razzi; pazzi furiosi a ovest che fanno sparate di ogni tipo; pazzi d'oriente che, nel nome di Dio tuo Padre, pensano di poter rivendicare i loro diritti investendo le persone a tutta velocità lungo i marciapiedi, e ci costringono a girare per le nostre piazze rinchiusi tra blocchi di cemento, transenne e camionette della polizia; pazzi d'occidente che non accettano che una storia d'amore sia finita (forse perché mai iniziata) e allora la fanno finita anche con la persona amata.

Il mondo sembra proprio essere impazzito: e come darti torto, se ci dirai che tuo Padre non era così che lo aveva pensato? Forse era meglio che ci lasciasse un po' meno liberi di fare quello che volevamo; forse dovrebbe intervenire di più e farla pagare ai disonesti, premiando i buoni; forse potrebbe anche solo evitare di essere così egoista da volere per sé i più buoni, che di solito si porta via presto, lasciandoci soli; forse potrebbe evitare di farci provare nostalgia dei nostri cari che non sono più con noi, almeno durante le feste.

O forse, se ci è concesso, facci almeno tu un regalo, in questa Notte Santa del tuo compleanno: visto che è una notte magica, tutta particolare, piena di luci, di suoni, di colori, di sogni e di calore, fai in modo che non finisca qui, fai in modo che duri il più possibile, facci sentire un po' più umani di quello che siamo di solito, fa' che le nostre giornate non perdano mai i colori della vita, e soprattutto, facci sognare almeno tu.

Buon compleanno, Gesù.

News

La Cooperativa Sociale P.S.L. San Felice, ente gestore della Casa Albergo San Felice, è lieta di presentarvi un nuovo settore di impegno e una nuova offerta di servizi alla comunità, l'ospitalità per i gruppi e le famiglie.  

Un intero piano della struttura dedicato all'accoglienza di gruppi parrocchiali in ritiro spirituale, campi scuola o momenti di vacanza. Come anche un servizio alle famiglie che vogliono muoversi in gruppo per usufruire di un ambiente che permetta loro la completa autogestione con utilizzo di cucina, sala da pranzo, zona tv, ma camere con servizi annessi confortevoli e accoglienti.

Il tutto nel più puro spirito francescano dell'assenza di lucro ma della messa a disposizione a prezzi molto contenuti di spazi di condivisione e possibilità di fruire di momenti di vacanza seppure in periodo di crisi. La nostra posizione geografica permette a chi voglia passare un periodo al mare di essere alle porte della meravigliosa Costiera Amalfitana, a chi voglia godere delle bellezze artistiche della Campania di poter raggiungere in meno di un'ora luoghi come Pompei, Napoli, Caserta, Paestum.

Contattateci, vi aspettiamo! 

 

Foto della zona Ospitalità nella nostra Gallery