Casa Albergo San Felice

logo

Attività di riabilitazione e animazione psicosociale

 Le attività di animazione e riabilitazione psicosociale all’interno della Casa Albergo San Felice si sviluppano seguendo due tipologie d’intervento:

· individuale

· di gruppo

  Tutte le attività proposte ed applicate dagli operatori della riabilitazione e dell’animazione psicosociale della Casa Albergo San Felice sono volte a recuperare, rafforzare e/o mantenere le abilità fisiche, cognitive, psichiche e relazionali degli ospiti, coinvolgendoli il più possibile nelle attività che vengono plasmate in base alle loro necessità e agli obiettivi prefissati per loro, in modo da lavorare sempre sulle “parti sane” degli ospiti.         
           

OBIETTIVO: ORIENTAMENTO SPAZIO-TEMPORALE 

METODOLOGIE E TECNICHE: gli interventi mirati al ripristino della capacità di orientamento spazio-temporale consistono soprattutto nell’utilizzo degli usuali strumenti di orientamento: calendari e orologi posizionati in ogni camera e negli ambienti comuni.

 Quotidianamente gli operatori della riabilitazione e dell’animazione si occupano delle attività di orientamento temporale attraverso l’utilizzo di diverse strumentazioni: una lavagna posizionata nella sala polivalente su cui vengono scritte la data, le notizie inerenti a quel giorno, il programma giornaliero delle attività; un cartellone con gli stessi contenuti posizionato in un luogo strategico cosicché tutti possano vederlo; interventi simili vengono attuati anche verso gli ospiti nelle camere.

 Ogni qualvolta si aggiungono interventi occasionali (feste, attività, etc.) viene ricordato agli ospiti mediante un cartellone posto nei luoghi più frequentati dagli ospiti (ascensori, corridoi, ingresso, ecc.).

Altra attività utile all’acquisizione dell’orientamento temporale e non meno, spaziale, è la lettura del quotidiano.

Una programmazione settimanale delle attività, inoltre, favorisce l’orientamento temporale e la partecipazione alle attività, aiutando a stimolare la memoria.

 Favorisce l’orientamento spaziale la creazione con gli ospiti di cartellini nominativi posti innanzi ad ogni stanza; pannelli orientativi di colore diverso per ogni ambiente comune della struttura; quotidiane indicazioni meteorologiche;passeggiate ed escursioni varie.

 
 OBIETTIVO: RAFFORZARE, MANTENERE ED ALLENARE LE ABILITA’ CREATIVE ED ESPRESSIVE; ABILITA’MANUALI; STIMOLAZIONE SENSORIALE; SVILUPPARE E CONSERVARE ABILITA’ COGNITIVE (ATTENZIONE, CONCENTRAZIONE, COMPRENSIONE, MEMORIA, CAPACITA’ NEL RICONOSCERE GLI OGGETTI, ORDINARLI, DISCRIMINARE IMMAGINI, COLORI E OGGETTI); EDUCAZIONE ALL’IMMAGINE; SOCIALIZZAZIONE.

 METODOLOGIE E TECNICHE: le attività creative ed espressive comprendono:

 Laboratorio artigianale: creazione e decorazione di oggetti ornamentali attraverso l’utilizzo di tecniche (decoupage, pointillisme, digitopittura, collage, carta pesta, ecc) e materiali vari (cartoncini, immagini varie, fotografie egli ospiti, das, carta crespa, pasta di sale, materiali di recupero, ecc.);

 Laboratorio di pittura: disegno e pittura su carta utilizzando materiali vari (colori a tempera, colori a cera, colori a matita e a spirito) e tecniche diversificate (collage, decoupage, pointillisme e digitopittura, ecc.) in base alle abilità degli ospiti;

 OBIETTIVO: PROMOZIONE E SVILUPPO DELL’AUTONOMIA NELLE ABILITÀ PRATICHE E SOCIALI

 METODOLOGIA: linea guida di tutti gli interventi psicosociale realizzati nella Casa sono la promozione dell’autonomia; il mantenimento di abilità pratiche come, per esempio: usare il telefono, l’ascensore, la televisione, la radio, ecc e, sempre nel rispetto delle piccole difficoltà che gli ospiti possono avere, l’autonomia nella cura della persona, degli spazi comuni e non (riordino dei materiali usati durante i laboratori, riassetto anche superficiale della camera, ecc). Tutto questo anche con la collaborazione degli operatori socio assistenziali della Casa.

 OBIETTIVO: ATTIVITA’ PSICOSOCIALE; SOSTEGNO PSICOLOGICO; SOCIALIZZAZIONE.

 METODOLOGIA: oltre ai gruppi di discussione a tema, si organizzano giochi psico-sociali che favoriscono l’espressione del proprio vissuto, la comunicazione, la socializzazione tra gli ospiti e la memoria. Frequentemente e sistematicamente si effettuano colloqui di sostegno psicologico, da parte degli operatori qualificati, con gli ospiti che ne verbalizzano o meno la necessità.

 Dopo un periodo di osservazione di quindici giorni il tecnico della riabilitazione psicosociale provvede alla compilazione di una scheda di valutazione psicosociale (area socio-relazionale; abilità pratiche; cura della persona e abilità cognitive) e di un piano assistenziale individuale (P.A.I.) con verifica trimestrale e semestrale, attraverso le quali viene elaborato un piano di intervento individuale.

 OBIETTIVO: ATTIVITÀ MOTORIA; INTEGRAZIONE SOCIALE; PROMOZIONE CULTURALE.

 METODOLOGIA: Tre volta a settimana gli ospiti (guidati da un operatore qualificato) praticano la ginnastica dolce nella sala polivalente. La ginnastica viene eseguita con movimenti lenti e graduali, con piegamenti, allungamenti e stretching, eseguiti in modo da non richiedere a muscoli e articolazioni eccessivi sforzi.

 Oltre alle attività di ginnastica dolce, nelle stagioni primaverili ed estive, si organizzano passeggiate ed escursioni nelle zone limitrofe al fine di favorire l’attività motoria, l’integrazione sociale e l’orientamento nello spazio. Il ballo, inserito nella programmazione settimanale, e quello praticato durante le varie feste danzanti organizzate nella struttura è un ulteriore attività di sostegno allo sviluppo delle abilità psicomotorie.


 

 

 

 


 

Padre Giacomo Santarsieri

Padre Giacomo SantersieriDirettore Della Casa di riposo San Felice

Leggi Tutto

Siti Consigliati/Amici

Contattaci

Se Vuoi Avere Maggiori Informazioni puoi contattarci attraverso il link sottostante

Vai al modulo

News

La Cooperativa Sociale P.S.L. San Felice, ente gestore della Casa Albergo San Felice, è lieta di presentarvi un nuovo settore di impegno e una nuova offerta di servizi alla comunità, l'ospitalità per i gruppi e le famiglie.  

Un intero piano della struttura dedicato all'accoglienza di gruppi parrocchiali in ritiro spirituale, campi scuola o momenti di vacanza. Come anche un servizio alle famiglie che vogliono muoversi in gruppo per usufruire di un ambiente che permetta loro la completa autogestione con utilizzo di cucina, sala da pranzo, zona tv, ma camere con servizi annessi confortevoli e accoglienti.

Il tutto nel più puro spirito francescano dell'assenza di lucro ma della messa a disposizione a prezzi molto contenuti di spazi di condivisione e possibilità di fruire di momenti di vacanza seppure in periodo di crisi. La nostra posizione geografica permette a chi voglia passare un periodo al mare di essere alle porte della meravigliosa Costiera Amalfitana, a chi voglia godere delle bellezze artistiche della Campania di poter raggiungere in meno di un'ora luoghi come Pompei, Napoli, Caserta, Paestum.

Contattateci, vi aspettiamo! 

 

Foto della zona Ospitalità nella nostra Gallery