Casa Albergo San Felice

logo

Profetto assistenziale generale                                                      

Nella maggior parte dei casi, gli anziani entrano in strutture adeguate, perchè non possono fare altrimenti. L'impossibilità a provvedere ai loro bisogni a domicilio li porta all'inserimento in queste realtà;

si tratta quindi raramente di una scelta deliberata. Per adattarsi, all'anziano occorre tempo ed è necessario che si organizzi una vita propria all'interno della struttura, ma anche che l'accoglienza e l'accompagnamento siano adeguati.

La vita in casa di riposo rappresenta assistenza e cure, ma anche una separazione: l'istituto, infatti, dà il cambio alla famiglia. L'ingresso in istituto è sempre un trauma, ma non significa che non si possa far niente per facilitare questo inserimento. Il nostro programma prevede: una visita preliminare della struttura da parte del possibile futuro ospite e l'accertamento della condizione di autosufficienza tramite colloquio con il medico competente. Risultata possibile l'accoglienza, l'anziano è invitato a prendere familiarità con la struttura mediante visite ripetute o soggiorni temporanei. Fase di conoscenza della persona prima del suo ingresso in struttura. Si raccolgono le informazioni essenziali per l'accoglienza che stabiliscano l'autosufficienza del soggetto: terapie in atto, condizioni funzionali organiche, condizioni cognitive comportamentali, condizioni relazionali e ambientali, interessi e capacità . Le informazioni sono assunte almeno una settimana prima dell'ingresso attraverso un colloquio con l'quipe medica e i familiari. Risultata possibile l'accoglienza nella nostra Casa, inizia per il nuovo ospite un periodo di prova che si prolunga dai quindici giorni a tutto il primo mese di trasferimento. In questo frangente la Direzione e i settori mantengono contatti assidui con i familiari dell'ospite, per meglio gestire l'adattamento e verificare secondo i casi se egli necessiti di visite per addolcire il distacco o se si rivelino più proficui contatti solo telefonici. Il tutto tenendo conto della diversa sensibilità di ciascuno.

Presentazione del nuovo ospite al personale. Le informazioni raccolte sono utilizzate per definire in equipe: il gruppo di riferimento, la compatibilità  della persona con gli ospiti già presenti, le attività , il posto a tavola, la camera.

Registrazione delle informazioni. Una cartella raccoglierà  la storia dell'anziano e della sua famiglia con informazioni: anagrafiche, economiche, abitative, sociali, sanitarie, educative, assistenziali, infermieristiche, riabilitative, sul rapporto con altri servizi. Le informazioni sono raccolte avvalendosi anche di fonti non professionali: la persona stessa, la sua famiglia, i parenti, gli amici, ecc. Il tutto nel pieno rispetto delle normative sulla privacy.

Rapporti con la comunità. E' promossa la partecipazione attiva degli ospiti alle iniziative sociali della comunità locale grazie alla presenza assidua di volontari che rendono attuabile una programmazione specifica che tiene conto dei momenti significativi dell'anno e dell'integrazione tra le attività  interne e le uscite (visita a presepi monumentali, feste patronali, Via Crucis. Esistono rapporti strutturati e continuativi con altre agenzie del territorio, soprattutto scuole per lo svolgimento di tirocini e stage.

Padre Giacomo Santarsieri

Padre Giacomo SantersieriDirettore Della Casa di riposo San Felice

Leggi Tutto

Siti Consigliati/Amici

Contattaci

Se Vuoi Avere Maggiori Informazioni puoi contattarci attraverso il link sottostante

Vai al modulo

News

La Cooperativa Sociale P.S.L. San Felice, ente gestore della Casa Albergo San Felice, è lieta di presentarvi un nuovo settore di impegno e una nuova offerta di servizi alla comunità, l'ospitalità per i gruppi e le famiglie.  

Un intero piano della struttura dedicato all'accoglienza di gruppi parrocchiali in ritiro spirituale, campi scuola o momenti di vacanza. Come anche un servizio alle famiglie che vogliono muoversi in gruppo per usufruire di un ambiente che permetta loro la completa autogestione con utilizzo di cucina, sala da pranzo, zona tv, ma camere con servizi annessi confortevoli e accoglienti.

Il tutto nel più puro spirito francescano dell'assenza di lucro ma della messa a disposizione a prezzi molto contenuti di spazi di condivisione e possibilità di fruire di momenti di vacanza seppure in periodo di crisi. La nostra posizione geografica permette a chi voglia passare un periodo al mare di essere alle porte della meravigliosa Costiera Amalfitana, a chi voglia godere delle bellezze artistiche della Campania di poter raggiungere in meno di un'ora luoghi come Pompei, Napoli, Caserta, Paestum.

Contattateci, vi aspettiamo! 

 

Foto della zona Ospitalità nella nostra Gallery